Di recente chiacchierando con un amico che non capiva la mia abitudine di formattare le schede DALLA CAMERA prima di usarle, di non lasciare i video all’interno di schede etc, di non cancellare i file direttamente dalla scheda.

Comprendo che chi non è abituato a macinare video e materiali di ripresa sia una abitudine poco comprensibile, ho pensato che sia un ottimo argomento per un articolo sulle buone abitudini prima di una ripresa, per evitare a tutti esperienze negative derivate da questo fattore.

  1. la formattazione controlla la scheda in caso di danni alle celle
  2. la formattazione elima la frammentazione della scheda
  3. la formattazione evita il rischio di fallire una ripresa, perchè è piena
  4. avere solo i dati nuovi sulla scheda permette backup veloci e sicuri
  5. avere solo i dati novi permette controlli rapidi e senza errore
  6. si evitano rischi di perdita dati preziosi
  7. si evita il furto di tutto il girato ma solo dell’ultimo materiale
  8. si eliminano i file che i sistemi operativi scrivono sui supporti

I supporti digitali per quanto siano di qualità possono avere problemi, rischi derivati dall’inserimento ed estrazione, variazioni di temperatura etc, per cui è importante gestire i nostri preziosi dati nel modo più “error proof” possibile.

Vediamo in dettaglio ognuna di queste motivazioni :

  1. Controllo struttura del supporto
    La formattazione di un supporto comporta anche la verifica delle diverse celle, e quindi ci assicura che i dati saranno scritti su celle stabili.
    Ogni supporto può avere difetti dati dalla fabbricazione, dalla lettura scrittura, dal sistema operativo che ha letto i dati della scheda.
  2. Frammentazione del supporto
    Nella maggior parte dei casi le schede vengono scritte con dati a velocità medio bassa, quindi comunque anche una lieve frammentazione del supporto data da cancellazioni e scritture dei file non ha un impatto particolare sull’affidabilità del supporto, però… salendo con le caratteristiche del prodotto, la frammentazione diventa un nemico per la scrittura continua dei filmati, portando a perdite di frame o problematiche nella chiusura del filmato.
  3. Scheda piena di vecchio materiale
    Spesso vedo schede con materiale di diverse giornate, magari parzialmente cancellato, che occupa prezioso spazio, oltre che poter dare problematiche nella scrittura dei dati, causa la frammentazione, quindi per questa pigrizia si potrebbe perdere la sequenza della vostra vita perchè la scheda è piena, di vecchi filmati. E cancellare dalle camere, quando lo permettono (quelle professionali non lo permettono) porta via un sacco di tempo e frammenta la scheda
  4. Backup semplice e rapido
    Se la scheda contiene solo materiale nuovo il backup si può eseguire rapidamente e con sicurezza, basta fare il backup di tutto il contenuto della scheda, senza rischio di creare copie inutile di altro materiale, senza rischio di sprecare spazio o tempo. Inoltre usando programmi per la produzione dei giornalieri avere nelle schede materiale di più riprese già acquisito è uno spreco enorme di risorse.
  5. Verifica Rapida del backup
    Avendo solo quei file sulla scheda, anche lanciare le procedure di verifica del backup è questione di pochi secondi, mentre avendo materiale di più giornate non si potranno usare le procedure automatiche e quindi ci sarà un tedioso e lento processo manuale, che può comportare diversi errori.
  6. Evitare perdita di dati
    In caso di danneggiamento della scheda la perdita è relativa solo ai dati recenti e non a tutti i dati contenuti nella scheda. La maggior parte delle persone non immaginano che le schede possano danneggiarsi, soprattutto se messe su GoPro immerse in acqua, portate in aria su Droni a centinaia di metri, o semplicemente perdendo uno di questi oggetti durante le riprese.
  7. Evitare il furto dei dati e la relativa diffusione
    Le camere, i droni, sono tutti elementi appetibili dai ladri, e le card spesso restano dentro, “al sicuro” con l’oggetto mentre viene rubato…
    Preoccuparsi di fare il backup e svuotare le schede evita sia la perdita globale dei dati (vedi punto 6) sia la diffusione di dati sensibili (dalle riprese ad altro materiale).
  8. Eliminazione dei file aggiunti dai sistemi operativi
    Sia utilizzando MacOsX che Windows i sistemi operativi se trovano un supporto atto alla scrittura iniziano a scrivere diversi dati, cartelle nascoste e alterano la struttura del supporto. MacOsX scrive dei file nascosti per il resourceFork dei dati che legge, diversi file .nomedelfile, se per errore mettere un supporto capiente prova a scriverci le basi per timemachine e altro. Windows inizia scrivendoci le cartelle per il cestino, se cancellate dei file prima li mette li e poi li elimina, altre volte se trova filessystem come exFat o Fat32 analizza la struttura e se per qualche ragione non gli garba la struttura, la “corregge” se non lo fermate entro 30 secondi (una specie di bomba a tempo) e nella maggior parte dei casi non accade nulla di grave, ma qualche caso sfigato danneggia la struttura dell’MBR causando apparente perdita di dati, che si può ripristinare senza subire un infarto. Comunque tali scritture posso inficiare la gestione della scheda da parte del dispositivo, per cui la formattazione da parte del dispositivo garantisce che sia strutturato e formattato per quello che serve ad esso senza spazzatura al suo interno.